Silla_Guerrini_01

I feticci degli altri di Silla Guerrini


ZonaZago7 è diventato anche un luogo espositivo dal 21 al 24 maggio scorsi è stata la location dell’esposizione personale di Silla Guerrini dal titolo I feticci degli altri a cura di Antonella Gasparato


Questo il video dell’esposizione:


I feticci sono oggetti dei quali fatichiamo a disfarci, perché portano impressa la traccia, impercettibile all’occhio esterno, della nostra memoria, impasto di ciò che siamo.

Questa l’idea de “I feticci degli altri”, che più di una mostra, ha voluto essere una sorta di installazione. Nell’atelier,  per l’occasione teatralmente allestito, sono state disposte dodici tele ad olio (o meglio 11+1, il feticcio personale dell’artista), ognuna ritrae un oggetto che porta su di sé l’orma di un ricordo e di una storia, personale e al tempo stesso universale.

Gli oggetti, come fossero ritratti di avi, erano sospesi nel limbo della memoria, in uno spazio astratto e indefinito. Tutto infatti (ma proprio tutto, era ricoperto di cellophane. Quasi delle visioni oniriche. C’erano anche vecchie fotografie e fogli dattiloscritti con storie brevi: racconti di bambini diventati poi gli adulti ai quali si riferivano i feticci dipinti da Silla. Si è potuto toccare, annusare, ascoltare: ogni feticcio era infatti accompagnato da un’appendice sensoriale – olfattiva, tattile, uditiva – che si legava strettamente alla rappresentazione.

L’idea è stata quella di creare una immersione nello spazio intimo e privato di un’esistenza unica e irripetibile, ma al contempo capace di trasportare ciascuno di noi in quello spazio morbido e condiviso di una memoria comune che ci avvicina e ci rende familiare l’altro. L’infanzia è il momento in cui tutto quello che succede ci modifica in maniera permanente. Nel bene e nel male determina il nostro carattere, la nostra forza.

 “Senza qualcosa che prova la nostra esistenza ci sentiamo a disagio, proviamo un senso di vuoto” dice Silla Guerrini, che lavora al progetto dal 2010. “I feticci rappresentano esistenza, concorrono a creare la storia delle persone, di ‘loro’ facciamo fatica a disfarci. Rappresentano un mondo di legami e affetti che non vogliamo perdere, ciapapolvar, acchiappa-polvere. Per i bambini sono oggetti transizionali fonti di certezze. Da grandi diventano il veicolo della memoria, portano ricordi, vissuti familiari, momenti, passioni, dolori, affetti, amore. Testimoni silenziosi delle nostre vite, ci accompagnano nella nostra storia, ci sopravvivono.
Attraversano il tempo, quasi immortali.”

Una riflessione sul tempo che passa, sull’ossessione della contemporaneità per fermare, conservare ciò che si brucia in esistenze sempre più frenetiche. Un momento di sospensione nello spazio fermo, materno e consolatorio delle nostre memorie.

Silla ha esposto anche il feticciario, la prima opera sul tema, realizzata nel 2010, una preziosa teca che raccoglie gli oggetti che rappresentano identità, idoli e simboli che hanno contribuito a formare il profilo psicologico di una persona.

L’esposizione ha portato l’attenzione sul valore da dare alla memoria, alle tradizioni e al tempo  che passa inesorabile e macina tutto anche i ricordi più cari delle persone che non ci sono più. Allora l’artista arriva anche a conservare i capelli che perde ogni volta che li lava. Secondo un preciso rituale li ha appallottolati e li ha raccolti in vaso, anch’esso esposto come un memento mori che ci vuole dire: non sprecare il tuo tempo, utilizzalo al meglio, per te e per chi ami, dal titolo “‘Quasi, quasi mi faccio uno shampoo’ – 147 volte prima di fare questa mostra”.

Ci sarà anche un video che elabora gli stessi motivi ricorrenti.

La mostra, curata da Antonella Gasparato, è la prima ad essere ospitata da ZonaZago7, la Bottega d’Arte che si trova nel colorato sottopassaggio di Via Stalingrado a Bologna, uno spazio che si apre alla città di Bologna, dove arte e cultura sono sempre le benvenute a comporre un ulteriore tassello di quel mosaico di energie creative che da sempre caratterizzano il capoluogo emiliano.

Le foto dell’inaugurazione sono di Stefano Aspiranti


Di seguito alcuni commenti di chi ha visto l’esposizione:

A. T. “Raramente alle mostre ci si emoziona. Il tuo percorso è forte e garbato come te, bravissima.”
“I feticci degli altri”, mostra di Silla Guerrini a Bologna presso ZZ7 – ZonaZagoSette fino a domenica 24 maggio in (fatto curioso) via Zago 7. Un percorso sulla memoria attraverso i sensi, l’olfatto, il tatto, le immagini, raccontato con garbo e profondità che muovono l’emozione di un vissuto che ci apparterrà per sempre e che ci ha fatti così, capaci di commuoverci annusando cenere di camino o accarezzando delle biglie di vetro.”
M. L. “Consiglio a tutti di fare un salto a ZonaZago per la mostra di  Silla Guerrini. E’ la dimostrazione che quando l’arte e’ supportata dall’introspezione del proprio vissuto… vale molto di più.”
M. A. M. “Carissima Silla, mostra meravigliosa! Ancora tantissimi complimenti!”
B. M. “Mi hai fatto aprire un vecchio cassetto.”
L. Z. A. “Confermo anch’io una bellissima mostra.”
F. V. “sì io mi sono emozionata, mi hai fatto sbirciare un po’ nella tua vita ma senza invadenza”
V. V. “Intensa la mostra di Silla”
C. L. “Non si può essere obiettivi quando a esporre è una persona che conosci e stimi… Dico solo che trovo il “mostrarsi” sempre coraggioso, che impegnarsi in un progetto artistico articolato e personale penso costi tanta fatica e che è bello quando, per chi guarda, oltre a un’indubbia e coloratissima bellezza, ci sono sostanza e profondità. Ecco. Complimenti ancora!
PS: e tantissimi i punti acquisiti per la scelta della “colonna sonora”… 
F. R. “Entrate in punta di piedi, meglio se da soli. le pareti pur non essendolo sono un interno una placenta le luci -luci in cui nascevano nelle case i bambini- illuminano testi scritti a macchina parole e sensi densi illuminano dei contenitori neri in cui immergere la mano interpretare riconoscere illuminano un vasetto di vetro tappato mentre lo porti al naso alzi lo sguardo sull’immagine e tutto ti invade e avanti così tra i feticci di Silla che ti riporta a qualcuno dei tuoi.

La cosa rara: oltre il grosso apporto sensoriale (salvo la sonorizzazione che necessita di una spiegazione)(dico io) le tele meritano proprio di essere COMPERATE perchè belle!”


BIO

Ferrarese di nascita (classe ’67) ma oramai bolognese d’adozione, Silla Guerrini si è formata all’Accademia di Belle Arti di Bologna negli anni Novanta, laureandosi con il maestro Luciano De Vita. Da allora si è sempre occupata professionalmente di arti visive, a diverso titolo e abbracciandone le più disparate declinazioni e modularità. Dal 2004 ha realizzato numerose esposizioni personali, preferendo sempre location piuttosto ibride e crossmediali.
Nel 2008 ha fondato con Luca Guenzi il collettivo artistico gli “inUTILI”, un movimento d’arte e di pensiero, organizzando numerosi eventi ed esposizioni collettive.

Ufficio Stampa 

Mariagrazia Canu | +39 377 2941216 – mariagrazia.canu@gmail.com

­­­­­